contattaci subito

News e Articoli

Riciclo Terre Rare

Pubblicato in data Aprile 28, 2022

Riciclo delle Terre rare dai nostri rifiuti elettronici: un tesoro, ma da estrarre nel modo giusto!

Cosa sono?

Le cosiddette “Terre rare”, elementi rari come il Neodimio, Gadolinio, Lutezio e altri sono essenziali nella produzione dei semiconduttori, transistor, condensatori, celle solari ed innumerevoli prodotti che hanno trovato una loro funzione nella nostra vita comune.

Queste terre rare sono presenti nei circuiti elettronici che gettiamo via, talvolta senza neppure valutarne l’importanza, insieme ad altri elementi costosi, come oro, argento, palladio e lo stesso, non banale nel prezzo, rame.


Riciclo Raee come fonte alternativa

In Italia nel 2021 sono state riciclate 385 mila tonnellate di rifiuti elettronici, circa 6,46 kg per cittadino italiano.

Questo ha portato ad una attiva industria di riciclaggio degli scarti elettronici, i cosiddetti RAEE, rifiuti elettronici speciali che, altrimenti sarebbero persi nell’ambiente. Un’industria importantissima perché, attraverso il riciclo dei RAEE, recuperiamo materiali strategici per i quali, attualmente, dipendiamo dall’estero.

Circa 80% della produzione grezza e 85% della capacità di raffinazione delle terre rare è in Cina, per cui, anche da un punto di vista della sicurezza economica, sarebbe utile averne una fonte alternativa. Per questo gli USA, in Canada, l’Australia e anche la UE stanno investendo nella loro estrazione e raffinazione, che comunque è costosa ed impattante.

Tecniche Alternative

Il problema è che spesso il riciclo di questi valori avviene con l’uso di sostanze pericolose, tossiche e inquinanti, come l’acido nitrico. Attualmente e però sono in sviluppo tecniche alternative:

  • un metodo innovativo è quello di “Illuminare” con luce ad altissima intensità i circuiti, immersi in un liquido apposito, portandoli a liberare le terre rare ad una temperatura di 2900 celsius e quindi raffinando il liquido con le terre rare;
  • un altro metodo è quello di utilizzare il magnetismo specifico dei singoli elementi;
  • oppure altri sistemi prevendono una chimica raffinata e l’utilizzo della cellulosa.

In Sintesi

Quindi ricordiamoci di riciclare questi oggetti, anzi siano benvenute le politiche del “Riacquisto” dell’elettronica usata perché:

  • si crea lavoro
  • si tutela veramente l’ambiente
  • si aumenta l’indipendenza strategica del nostro paese.

Fonte: ScenariEconomici


Articoli Correlati

28 Aprile, 2022
Riciclo Terre Rare

Riciclo delle Terre rare dai nostri rifiuti elettronici: un tesoro, ma da estrarre nel modo giusto! Cosa sono? Le cosiddette […]

1 Marzo, 2022
MUD 2022

La tua azienda deve presentare il MUD e non sei sicuro di conoscere tutte le novità della versione 2022 del […]

come possiamo aiutarti?

siamo qui per te!
CONTATTACI ORA!
Rigotti F.lli S.r.l.
Loc. Laghetti Di Vela 7 - 38121 Trento (TN)
Telefono: 0461 827574 - Fax: 0461 827523
E-mail: info@autodemolizionirigotti.it
C. F. e P. I.: 01977710225 - C.U.: SUBM70N
aziende del gruppo
Copyright © Rigotti Flli Srl - Tutti i diritti riservati - Progetto Krealine Studio